L’ analisi spaziale dei reperti metallici a Vetricella

La costruzione di un ambiente d’analisi GIS per lo studio dei reperti archeologici provenienti dal sito di Vetricella è finalizzato alla produzione di nuove informazioni attraverso l’integrazione tra il dato spaziale e quello alfanumerico. La posizione dei reperti é stata rilevata con l’ausilio della stazione totale che ha restituito una nuvola di punti rappresentante la loro collocazione nel contesto stratigrafico (Fig.). Il dato alfanumerico deriva dallo studio tipologico e la classificazione dei reperti metallici rinvenuti nel corso delle campagne di… Continue reading

La documentazione del sito di Vetricella tramite fotogrammetria digitale

La documentazione dello scavo archeologico di Vetricella è realizzata interamente con la fotogrammetria digitale. Nel video, presentato dal team del progetto nEU-Med durante l’evento BRIGHT 2018, sono riassunte la varie fasi di acquisizione, elaborazione sul campo ed esempi di utilizzo come supporto alla gestione e all’interpretazione dello scavo. La stessa tecnica può essere applicata anche allo studio dei manufatti come base per le ipotesi ricostruttive.   Continue reading

La documentazione 3D dei manufatti archeologici

In occasione del “nEu-Med day in Maremma” del 31 ottobre 2018 a Scarlino, è stata effettuata un’acquisizione fotogrammetrica di una punta di lancia rinvenuta nella campagna di scavo a Vetricella del 2017. Su questa base, sono state modellate due ipotesi ricostruttive, con lo scopo di presentare al pubblico il tipo di attività che il team conduce dal punto di vista informatico e di documentazione tridimensionale, che, come presentato in altri articoli su questo sito, viene applicata sulla stratigrafia in situ… Continue reading

Uno sguardo dall’alto: la documentazione di scavo a Vetricella con il drone

Nelle ultime settimane della terza campagna archeologica a Vetricella è stato introdotto un velivolo UAV a supporto della documentazione di scavo. I voli effettuati sono stati finalizzati all’acquisizione di immagini per l’elaborazione di modelli tridimensionali tramite fotogrammetria 3D e per effettuare riprese video utili ai fini divulgativi del progetto ERC nEU-Med. In particolare si è fatto uso del modello “DJI Spark”  con camera integrata da 12 MPx, riprese video a 1080p in grado di garantire un’ autonomia di 12 minuti… Continue reading

APPORTO DELLA DOCUMENTAZIONE 3D ALLO STUDIO DEL SITO DI VETRICELLA

Sono in corso le ultime fasi di elaborazione della documentazione tridimensionale realizzata sul sito di Vetricella (Scarlino,GR) attraverso la fotogrammetria (Fig.1). In seguito all’ elaborazione di tutti i modelli e alla loro georeferenziazione si procede all’importazione di tutti i dati all’interno di un GIS con visualizzazione 3D per realizzare un collegamento tra il dato spaziale e i contenuti alfanumerici registrati dall’archivio delle schede US. In questo modo è possibile navigare tra i vari modelli tridimensionali attraverso delle query applicate agli… Continue reading

Documentazione tridimensionale per gli scavi di Vetricella e Carlappiano

Procedura di documentazione sul campo realizzata sui cantieri di scavo di Vetricella e Carlappiano all’interno del progetto nEU-Med. Individuazione dell’Unità Stratigrafica da documentare e pulizia della sua superficie e dei suoi contorni (limiti). Applicazione sul terreno di 4 marker (mire di riferimento) attorno all’US da documentare che serviranno per la georeferenziazione del modello tridimensionale. Oltre a questi 4 marker, con la stazione totale vengono misurati dei punti campione sul contorno dell’Unità stratigrafica. Questi punti costituiranno lo schema di riferimento per… Continue reading

La documentazione 3D a Carlappiano e Vetricella

Gli scavi archeologici di Carlappiano (Piombino) e Vetricella (Scarlino) sono documentati integralmente utilizzando tecniche di rilievo tridimensionale Image-based. L’utilizzo di modelli tridimensionali come forma di documentazione garantisce un’elevata precisione nella registrazione delle informazioni geometriche e dei colori delle unità stratigrafiche. I modelli tridimensionali realizzati confluiscono in una piattaforma 3DGIS, in grado di gestire e analizzare la stratigrafia nelle tre dimensioni. Per ogni unità stratigrafica sono previsti i seguenti step operativi: acquisizione fotografica: durante questa fase ogni contesto viene fotografato da… Continue reading